42° DueRocche – Cornuda (TV) – 25/04/2014

Distanza: 21.41 km
Dislivello: 673 D+
Tempo: 2h22m10s

Sole, ottima temperatura, zero fango..che dire, giornata perfetta per correre su e giù per i colli!

Si parte dunque, io, V., Bruno e A. con la Valentina.
Io A. e V. optiamo per i 21km dunque partiamo prima degli altri, che scelgono di fare 12km.
Nel traffico iniziale però, ci dividiamo; io e A. proseguiamo assieme, V. rimane bloccato nel traffico dietro di noi e lo ritroveremo solo al traguardo.

Dopo 2 km circa di falsopiano, usciamo dalla strada principale e qui inizia la prima di tante tante salite!
Ma noi che arriviamo da due uscite belle toste sul Montello, siamo pronti a tutto (…).
Il percorso è davvero molto bello, su sentieri che si stringono sempre più, nel mezzo della natura e lontano dal traffico e dall’asfalto; arrivati in alto, inizia la discesa, molto veloce e poco tecnica, e che è sempre un piacere fare, specialmente perchè non è piovuto in questi giorni dunque il sentiero è asciutto e si può dunque “spingere” senza rischiare pericolosi scivoloni.

Arrivati alla Beccaccia imbocchiamo un nuovo sentiero che porta nuovamente su, e di qui a poco ci dividiamo io e A., che accusa un fastidio muscolare (inaspettato da uno come lui….dai che scherzo A.!!!ahah) e rallenta un pò;
proseguo da solo, e dietro di me giunge il classico “fenomeno” che sta raccontando al suo amico della prima volta in cui ha usato le scarpe che indossa “stavo facendo l’ironman a nonsodove, i primi 20km li ho fatti a 3:50 ma avevo la febbre a 39°”…strada facendo incontrerò un altro “fenomeno” che molto affaticato alla salita finale mi dirà “sai ne ho fatti 7 prima della partenza”..bravo, ora che lo so sto molto meglio.

Un’altra bella discesa ci riporta alla Beccaccia, e poi arriva la mega salita che porta alla Rocca di Cornuda; salita molto dura, si cammina, e le gambe iniziano ad affaticarsi, i quadricipiti iniziano a farsi sentire e i polpacci ancora di più; ma ne vale la pena in quanto poi la discesa sarà molto lunga e mi permette di far rifiatare i muscoli (e qui incontro un altro runner che mi invita alla Camignada poi Siè Refuge, intorno alla Tre cime di Lavaredo..bè, grazie della dritta, spero proprio di esserci).

Gli ultimi 4 km riesco ancora a spingere bene, se escludiamo il 19° in quanto si sale per una vigna con pendenza del 89,999% circa, e riesco a tenere i 4:50 al km; chiudo la corsa stanco, con le gambe dolenti, ma felice perchè è stata un’ottima giornata da runner!

Complimenti agli organizzatori di questa bella gara, peccato solamente che ci siano dei deficienti che stanotte han pensato di girare le frecce che indicano il percorso e han fatto sbagliar strada ai runner che han fatto il trail di 48km..

ps. oggi la colazione è stata perfetta, dunque la riporto: 3 ore prima della gara, “sbatudin” con 2 uova e due caffè, 3 fette biscottate con marmellata, banana.

2014-04-25 21.36.37

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...