I percorsi della memoria – Longarone (BL) – 29-9-2013

Distanza: 25 km
Dislivello: 900 D+
Tempo: 3h 03min

Proprio oggi che si corre a casa mia, nel mio paese, Vedelago (http://www.maratonadellacastellana.it/), V. mi propone questa “corsetta”, alla quale non si può rifiutare, diciamocelo.
Una corsa in memoria del disastro del 9 ottobre 1963, cinquant’anni fa, lungo quei luoghi che furono distrutti dall’inondazione e che rese tristemente celebre il paese di Longarone.

Passo a prendere V. alle 7.00 e si parte; troviamo pioggia in autostrada, si prospetta una corsa niente male!
Solito tran tran e ci troviamo sotto la partenza, ore 09.00, nel centro di Longarone (e ha smesso di piovere!).
Pronti..Via!
Un bel tratto pacifico con leggero saliscendi ci permette di scaldare i muscoli e di prepararli alla prima lunga salita, che ci porta (dopo un fugace incontro con un capriolo che scendeva, o ruzzolava, dalla montagna) alla diga del Vajont; la attraversiamo servendoci del ponte posto circa a metà della sua altezza e iniziamo a correre lungo un infinità di gallerie buie che ci portano in cima alla diga.
Bè che dire, la vista è mozzafiato! I 264metri di altezza tolgono davvero il fiato, e immaginare l’acqua che può aver invaso la valle che corre tra queste montagne mette i brividi.
Continuiamo a salire fino ad arrivare al ristoro del 10° che segna l’inizio di un lungo tratto pianeggiante dove si può spingere un pò di più e ci permette di rilassarci un pò e di goderci il panorama..eh già, perchè dal 14° inizierà una salita che toglierà ogni briciola di energia!
Già perchè la salita per giungere ad Erto è durissima, un sentiero dritto che punta in alto, pendenza costante, davvero dura!
Arrivati ad Erto saliamo alla volta di Casso, lunga la famosa e lunga scalinata, e ancora un salire e salire sino al 20° km circa (circa perchè il gps con tutte le gallerie ha dato di matto..); poi, finalmente, la discesa!
Se non fosse per l’ingorgo di gente, la discesa sarebbe stata davvero bellissima! Già perchè le troppe persone han rallentato la nostra corsa, prima corsa, lungo un percorso tecnicamente non semplicissimo e che è stato emozionante, davvero; scendere per questi sentieri rocciosi o di terra battuta di corsa, quando una volta, anni or sono, li facevo camminando, è stato davvero divertente!
Ricordo che da bambino scendevo pian piano per la paura di non scivolare e con scarponi da montagna oltretutto, quando si andava a passeggiare in montagna col papà…e ora li sto facendo di corsa! eheh davvero mi sembra incredibile come son cambiate le cose!
La discesa ci porta infine agli ultimi 2 km di piano per raggiungere così il centro sportivo, mezzo giro di pista e passiamo sotto il traguardo (in stile olimpiadi….!), stanchi ma felici per aver partecipato a questa corsa, che merita, merita davvero di essere fatta.

partenza longarone 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...